Inviato da il
SOCIAL:

Elvis Presley: trentacinque anni fa moriva il re del rock'n'roll

Esattamente il 16 Agosto del 1977 moriva nella sua villa di Graceland il re del rock'n'roll. A distanza di trentacinque anni i suoi fan lo ricordano come icona leggendaria della storia della musica.

Elvis Presley: trentacinque anni fa moriva il re del rock'n'roll

Era il 16 Agosto del 1977 quando Elvis Presley fu trovato morto all'interno della sua villa di Graceland. Ufficialmente deceduto per arresto cardiaco, il suo corpo fu trovato immerso nella vasca da bagno. La vita e il destino di Elvis cambiò in un attimo e quel momento cambiò per sempre la storia della musica.

 

Il suo lavoro da camionista lo costringeva a lunghi viaggi e nelle sue trasferte amava deliziare via radio i suoi colleghi con la sua calda voce. Un giorno qualsiasi, la sua vita si incrociò con quella di un famoso e visionario produttore di quegli anni: Sam Phillips, magnate e fondatore della casa discografica Sun Records. La mente brillante e l'innovazione spinsero il produttore a guardare oltre il processo e il sistema musicale di quei primi anni 50'. La scena musicale era dominata da artisti e gruppi afroamericani leader nelle classifiche americane e Phillips intuisce il modo per sovvertire le regole di quei tempi; si mette alla ricerca di nuove voci attraverso l'annuncio all'esterno della sua casa discografica, scommettendo che quando avrebbe trovato un bianco con la voce di un nero, sarebbe diventanto l'uomo più ricco di sempre. La sua fortuna si chiamò Elvis Presley. Il giovanotto americano lesse l'annuncio appeso fuori gli studi discografici, entrò e registrò un pezzo che canticchiava sempre quando era a lavoro: "That's all right (mama)". Negli studi tutti si resero conto di essere dinanzi al futuro re del rock'n'roll. Elvis fu immediatamente scritturato e, dopo aver inciso dischi con la Sun Records, passò successivamente alla RCA, altro colosso americano.

 

La strada era tracciata, l'America cadde ai piedi di Elvis Presley, il mondo del cinema e dello spettacolo lo incoronò "The King of Rock'n'roll". Milioni di dischi venduti, uniti alle sue leggendarie performance, lo consacrarono per sempre nell'olimpo degli immortali. Dopo il servizio militare tornò sapendo reinventare il suo personaggio. La parabola discendente iniziò dopo i primi anni '70, quando il rock cedette il posto ai primi urli della musica punk. Elvis morì e il mondo, sconcertato, si fermò, capendo di aver perso una leggenda. Dopo trentacinque anni i suoi fans si radunano nella sua maestosa tenuta di Graceland per omaggiare il loro idolo immortale, sperando e fantasticando in un suo incredibile ritorno, magari imbracciando la chitarra e scuotendo il bacino come solo lui sapeva fare.

Se trovi questo articolo su un blog diverso da "net1news.org" si tratta probabilmente di una copia non autorizzata. L'indirizzo originale di questo articolo è: Elvis Presley: trentacinque anni fa moriva il re del rock'n'roll scritto da .